HOME > NOVITA'

Piano paesaggistico: Boem, cdx irresponsabile attacca con spot e poi fugge

pubblicato il 28 agosto 2017

TRIESTE (28.08.17). «Fare opposizione attaccando con spot e poi sottrarsi al confronto nel merito è fin troppo facile, serve solo a montare spettacoli mediatici privi di utilità ai fini del contributo, anche critico, che ogni consigliere regionale è chiamato a portare nel dibattito di formazione di un provvedimento. Questo è un modo non serio di fare politica». A dirlo è il presidente della IV commissione Vittorino Boem, a margine della seduta di illustrazione del piano paesaggistico regionale, commentando gli atteggiamenti di alcuni consiglieri di opposizione. «Polemizzando inutilmente sui tempi e sulle formalità, Riccardi e Revelant si sono decisamente fermati a questioni di forma, tra l'altro discutibili, mentre avrebbero dovuto, con responsabilità, affrontare il merito del piano. Hanno invece preferito scappare via dalla commissione privilegiando una commedia premeditata». E ancora, continua Boem, «il loro preconcetto basato sulla presunzione che la norma avrebbe introdotto ulteriori vincoli, si è infranto quando da una lettura più attenta si sono accorti che tali timori erano ampiamente infondati. Quello che lascia perplessi è che dopo le barricate sollevate nei mesi scorsi, nel momento del dunque, ossia il merito del provvedimento, siano fuggiti nel modo più utile al loro scopo: una sceneggiata che aveva un inequivocabile significato mediatico».
«Spiace – conclude Boem – che una persona che ha effettivamente studiato per conoscere il provvedimento, ossia Il consigliere di Ar, si sia piegato alla dinamica puramente politica, uscendo dall'aula prima di approfondire nel merito il piano».