HOME > NOVITA'

Casa: Santoro (Pd), Giunta immobile, dai sindacati giusto allarme

pubblicato il 12 settembre 2018

 «I dati forniti dal ministero dell'Interno e commentati oggi dalla Cisl Fvg sugli sfratti del 2017 evidenziano che è necessario portare avanti con forza le politiche che contribuiscono a rendere disponibile l’ingente patrimonio edilizio esistente nella nostra regione attraverso azioni già avviate con la riforma Risposta Casa del 2016». A dirlo è il consigliere regionale del Pd, Mariagrazia Santoro commentando la denuncia della Cisl Fvg in merito alle emergenze abitative in Fvg, riguardante “oltre 970 sfratti nel 2017”.
«I dati raccolti evidenziano come il Fvg sia una realtà sicuramente migliore di tante altre regioni con numeri importanti di provvedimenti, specialmente esecutivi, in crescita. Il tessuto sociale della nostra regione tiene ancora, ma le evidenze che ormai le reti familiari e assistenziali non bastano più devono portarci a non fermare la forte azione volta ad aumentare il numero di alloggi a disposizione, dalle case Ater al social-housing fino ai contributi per il sostegno agli affitti e all’applicazione del nuovo regolamento che incentiva la messa in locazione dei privati. Non meno importante è il dialogo che va portato avanti con lo Stato per recuperare e utilizzare i numerosi alloggi demaniali oggi sfitti o abbandonati».
«In questo senso – continua Santoro – c’è la proposta del Pd di prorogare la graduatoria per finanziare il recupero degli alloggi dismessi dei privati. Abbiamo 997 domande di privati per recuperare 1.260 alloggi e 266 domande di persone giuridiche per recuperare circa 300 alloggi, entro la fine dell’anno va prorogata la graduatoria per consentire di stanziare risorse nella legge di stabilità 2019».
Secondo l'esponente dem, «l’idea di risolvere i problemi abitativi cambiando qualche criterio di accesso alle case popolari è estremamente limitativo e poco risolutivo. Occorre investire risorse, come fatto negli ultimi anni per recuperare gli alloggi dei privati, incentivare la messa in locazione di alloggi disponibili, costruire nuove case di edilizia popolare e social housing. Su questi temi il banco di prova della maggioranza sarà la legge di stabilità: fin'ora non abbiamo visto risorse per investimenti ma solo 10 milioni di euro accantonati per restituirli allo Stato».